Attualità - Cervinara. Alluvione del 1999, protesta della Comunità Militante Caudina

Foto Cervinara

Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato stampa:

In occasione del ventinovesimo anniversario del Terremoto in Irpinia e a distanza di pochi giorni dal decennale della tragica alluvione che colpì Cervinara e San Martino Valle Caudina– i militanti cervinaresi di CasaPound Avellino e del Blocco Studentesco Irpino- hanno appeso alcuni striscioni per onorare, con un’azione stile Cpi, la memoria di quelle tragiche ore, denunciando la vergognosa situazione odierna.

“Sicurezza Subito” è il testo del messaggio esposto nelle frazioni alluvionate di Joffredo e Castello, a Cervinara, dove a distanza di un decennio dal disastro idrogeologico, nessuno ha messo in sicurezza la zona, prolungando di dieci lunghi anni l’onda dell’alluvione e i rischi per l’incolumità dei cittadini.

E’ inammissibile – dichiara il Presidente Provinciale Valerio Criscuoli- che nemmeno dopo dieci anni l’area alluvionata di Cervinara sia stata messa in sicurezza. Quando avrà fine la dolorosa parentesi aperta nel lontano 16 dicembre 1999?

CasaPound chiede a chi di dovere un intervento immediato- afferma il responsabile dell’associazione di promozione sociale- con l’abbattimento delle mura pericolanti nella zona alluvionata, l’organizzazione di un piano di emergenza ed evacuazione coordinato per tutta la comunità ed un pubblico aggiornamento sulla situazione idrogeologica e tellurica del Parco del Partenio.
Ricordiamo, con un monito per il presente ed un appello per il futuro, le vittime del Terremoto del 23 novembre 1980 e dell’alluvione del 16 dicembre 1999.
Non vogliamo versare altre lacrime o parlare di catastrofi annunciate, bensì lottiamo e denunciamo l’indegna realtà di oggi, che rappresenta un insulto ai morti e ai e ai feriti di ieri.

Cervinara, 23 novembre 2009

CasaPound Avellino
Comunità Militante Caudina 451

lunedì 23 novembre 2009. Letture: 2573.


Forse ti possono interessare anche queste notizie