Attualità - San Martino VC. 200 euro per chi decide di ospitare un cane

Foto San Martino Valle Caudina

“Adotta un amico”. E’ questo lo slogan, semplice ma efficace, che l’amministrazione comunale di San Martino Valle Caudina ha deciso di adottare per lanciare la campagna di adozione che vedrà il comune caudino protagonista nelle prossime settimane. Una decisione forte, quella partita questa settimana, volta a sensibilizzare la cittadinanza su un problema particolarmente grave come appunto quello del randagismo, che a San Martino Valle Caudina ha assunto caratteri preoccupanti.

Da tempo infatti i cittadini lamentano una presenza massiccia di randagi lungo le strade, e nel corso del tempo le varie amministrazioni che si sono susseguite hanno via via messo mano al problema – tra le poche in provincia di Avellino –, provvedendo a pagare rette sempre più sostanziose per il mantenimento dei cani abbandonati in canili convenzionati. Un fenomeno che si è accresciuto nel corso degli anni, e che adesso ha raggiunto il massimo storico, andando ad incidere sul bilancio comunale per diverse decine di migliaia di euro. Una situazione non più sostenibile per le casse dell’ente, che adesso ha deciso di correre ai ripari e di lanciare il proprio appello alla popolazione. Di qui l’idea di una campagna di sensibilizzazione per far sì che vengano liberati dei posti nei canili convenzionati con il comune caudino. Sono oltre settanta, allo stato attuale, gli animali di cui il comune deve farsi carico mensilmente nelle strutture attrezzate di San Martino Valle Caudina e Altavilla Irpina.

“Adotta un amico” prevede la possibilità, per chi decidesse di portare a casa uno degli animali abbandonati e restituirlo così all’affetto di un padrone, di un contributo di 200 euro una tantum. Una forma di contributo stabilita dagli amministratori locali per venire incontro anche alle spese che gli eventuali interessati all’iniziativa dovranno sostenere nei primi tempi per far fronte ai costi di mantenimento. Oltre che sull’aspetto prettamente economico, però, il sindaco Pasquale Ricci – in un pubblico manifesto e attraverso anche dei volantini distribuiti negli esercizi commerciali del paese – ha sollecitato l’attenzione anche sul grave disagio che questi animali hanno vissuto. Chiunque fosse interessato, residenti e non solo, può rivolgersi al servizio randagismo del comune di San Martino Valle Caudina. Nei prossimi giorni verranno rese disponibili anche le foto degli animali attualmente in carico all’ente municipale.

Fonte: Ottopagine.it

venerdì 16 marzo 2007. Letture: 1803.


Commenti

commenti

Forse ti possono interessare anche queste notizie