Cronaca - Airola. Arrestato il dirigente dell’ufficio tecnico della Comunità Montana del taburno

Foto Airola

Alle prime luci dell’alba i Carabinieri del Nucleo Operativo del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Benevento hanno tratto in arresto in Airola Antonio Melisi, 51enne, ingegnere, Dirigente dell’Ufficio Tecnico della Comunità Montana del Taburno.

Colpito da una ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Benevento, dott.ssa Maria Di Carlo, a seguito di indagini svolte dal citato Reparto e coordinate dal Sostituto Procuratore, dott. Antonio Clemente, è ritenuto responsabile di concorso in concussione, perché unitamente al fratello Vincenzo, induceva e costringeva il titolare di una ditta assegnataria di lavori presso il comune di Torrecuso, a promettergli e dargli la somma di euro 3.500.
Melisi Vincenzo, anch’egli ingegnere e direttore dei lavori pubblici di captazione ed adduzione idrica per l’alimentazione delle fontane nel citato comune era stato tratto in arresto in flagranza di reato, il 19.10.2006, in Torrecuso, nei pressi dell’area antistante il locale cimitero, proprio mentre incassava la tangente.
Le indagini hanno dimostrato che Melisi Antonio si interessava direttamente ed inequivocabilmente presso l’Ente pubblico del conferimento degli incarichi dati dal comune di Torrecuso al fratello Vincenzo, inserendosi profondamente nell’attività di direzione dei lavori e sostituendolo in tutti gli adempimenti connessi alla funzione. La indebita partecipazione allo svolgimento dell’Ufficio di direttore dei lavori ha indotto, ragionevolmente, a ritenere che la stessa non fosse svincolata da un ritorno economico e le risultanze info-investigative hanno dimostrato che i due avevano raggiunto una intesa per costringere l’imprenditore a versare la somma pattuita e sequestrata all’atto dell’arresto del fratello. Melisi Antonio, è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

Fonte: Retesei

venerdì 26 gennaio 2007. Letture: 3564.


Commenti

commenti

Forse ti possono interessare anche queste notizie