Cronaca - Cervinara. Due motociclisti travolti da un auto

Foto Cervinara

Due persone sono morte in un incidente stradale avvenuto sulla strada a scorrimento veloce PaolisiCervinara, nel territorio del comune di Cervinara, dopo essere state travolte da un’auto Fiat punto con una coppia di 21 enni a bordo.
Le vittime, sono Vittorio Marro, 71 enne di Cervinara e una donna ucraina, Svitlana Romanovic di 43 anni che viaggiava con l’anziano sulla Vespa 50 di colore Blu. I loro corpi sono stati sbalzati a oltre cento metri finendo sull’asfalto. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri, mentre i due giovani che viaggiavano sulla Fiat Punto, sono stati ricoverati al Fatebefratelli di Benevento in stato confusionale.

Fonte: Retesei

lunedì 3 settembre 2007. Letture: 2631.


Commenti

  1. e.a. ha detto:

    ma come e’ possibile che le autorita’ competenti non prendano provvedimenti in merito alla strada scorrimento veloce che per l’ennesima volta e’ stata teatro di un evento tragico ,con la spreranza che qualcuno si ricordi che si tratta di esseri umani che perdono la vita ,e quindi intervenire per rendere la strada in oggetto piu’ sicura ,e poi ricordiamoci che nessuno di noi e’ immune da queste tragedie ,un giorno potrebbe essere il turno di quel qualcuno che non interviene per cercare di fermare questi tragici eventi e non lo fa’per altri interessi,quindi passiamoci una mano per la coscienza e interveniamo. (mi unisco al dolore delle famiglie che hanno perso i propri cari)

  2. v.m. ha detto:

    caro e.a. lodevole è il tuo solidale cordoglio e interesse soprattutto nel toccare un argomento tanto importante quanto trascurato,ma cosa vuoi che importi ai nostri assessori di quello che succede sulle strade di cervinara?tratteranno questa tragica notizia come semplice fatto di cronaca e oggetto di discussione nei bar di cervinara,con tanto di critiche e commenti come solo noi cervinaresi sappiamo fare.per non parlare di polizia e carabinieri che organizzano i posti di blocco per disturbare la brava gente invece di controllare chi veramente trasgredisce sulle strade.sfiducia e delusione:questo è quanto sento di dire rivolgendomi all’amministrazione cervinarese.una parente della vittima vittorio marro.addio caro zio vittorio

  3. G.T. ha detto:

    Beh guardate, è lodevole il vostro cordoglio al quale mi associo. Devo però, amaramente, farVi un rimprovero: i “posti di blocco” non vengono fatti per ” disturbare voi bravi cittadini “, bensì per avere un controllo capillare sul territorio. Per poter controllare tutta la zona in giurisdizione alle forze dell’ordine, non servirebbero 1,2,3,5,10 macchina, ma molte di più. Un’istallazione di infrared o sensori di velocità spesso crea contrasti tra la popolazione.
    Prima di avanzare delle ipotesi, è meglio conoscere la reale dinamica dei fatti, non parlare ” per sentito dire ” ( non mi schiero a difesa di nessuna delle due parti ). La situazione della prevenzione è difficile, quasi impossibile ( es. posto di blocco della polizia un motorino, vede la polizia, fa inversione perchè non ha il casco, cmq non lo mette ).
    LE contestazioni per infrazioni al C.d.S. vengono elevate tutti i giorni, eppure non cambia molto.
    Gli episodi tragici che ci circondano ( I deceduti in Montesarchio, Tufara Valle, Cervinara ) hanno insegnato ben poco alla popolazione, perchè spesso si pensa ” tanto a me non succede “.
    E con questo concludo
    Un agente di P.S.

  4. SdO ha detto:

    Cincordo pienamente con l’agente P.S. i posti di blocco servono e magari ce ne fossero di più,ma purtroppo come già detto ci vorrebbero molti più agenti e mezzi.
    Devo anche dire che a Cervinara,come nella Valle Caudina,ci sono moltissimi giovani che trasgrediscono il codice della strada,mettendo in serio pericolo la loro vita e quella di altre persone.Nel caso dell’incidente accorso l’altra notte,che dire,la causa sicuramente è da attribuire all’alta velocità e alle condizioni di visibilità di una strada che sinceramente è nata già male,e queste sono le conseguenze.
    A volte anche osservando il codice della strada succedono incidenti e qualcuno ci ha lascia le penne,pensate quando non si osserva,le probabilità di incidenti e morti aumenta notevolmente.
    Un’ultima osservazione la vorrei fare su Carmine Limata (autore del servizio) e sul direttore di Retesei;potevate evitare di mostrare le vittime dell’incidente in quelle condizioni,soprattutto a quell’ora,sono immagini scioccanti sia per i bambini che per le stesse famiglie dei deceduti,bastava mostrare gli automezzi,il resto si capiva ugualmente.
    Esprimo le mie sentite condoglianze alla famiglia Marro per la tragica scomparsa di Vittorio.
    Saluti
    SdO

  5. mario ha detto:

    Certo che ognuno vede le cose a modo suo, dal suo punto di vista culturale, politico, sociologico e giustifica o condanna le parti in cui egli crede essere dalla parte giusta o sbagliata. La verità, nuda e cruda, è: 1°) quella che i nostri giovani corrono sempre come pazzi tant’è che, prima o poi, vanno a sbattere e provocano disastri a loro e a tante vittime incolpevoli e noi tutti, istituzioni e famiglie, niente facciamo per fermare queste stragi (vedi % delle vittime rispetto all’età); 2°) non vi è piu’, da parte di nessuno, ripeto nessuno!!! il rispetto delle regole del viver civile, delle leggi, dei regolamenti, dell’educazione verso il prossimo e, purtroppo, la mancanza di queste elementari norme di convivenza comporta, quasi sempre altri disastri(es. avevano il casco le povere vittime? il mezzo era a posto?)
    3° vi è nella società, ma soprattutto nelle istituzione, una totale mancanza di rispetto per tutto quanto è di interesse comune, un completo disinteresse e abbandono della cosa pubblica, fare il proprio dovere è rimasto un’optional di pochi poveri illusi, che talvolta sono anche derisi dalla “massa” (vedi che immondezzaio è diventata la strada in questione e come è ridotta la segnaletica!) Certo è che l’imponderabile è sempre in agguato per provocare una tragedia, ma il rispetto delle regole aiuta molto a far si che l’imponderabile non si verifichi.
    P.S. Un pensiero a Svitlana

  6. GT ha detto:

    Concordo in pieno con voi, vorrei solo fare una precisazione a Mario ( senza malizia nè rimprovero): il casco in un impatto come quello sarebbe servito a ben poco in quanto un impatto a terra dopo un volo del genere sarebbe risultato indenne solo se fosse stata indossata una tuta protettiva molto + imbottita di quelle del motoGP o addirittura un’armatura. Il problema della scorrimento veloce ( strada che percorro quasi tutti i giorni e in diverse ore del giorno ) è che durante la notte, purtroppo, non c’è illuminazione causa che spinge molti automobilisti a usare fari abbaglianti che, a volte, vengono dimenticati in funzione. Le curve non sono segnalate da appositi pannelli come quelli che sono istallati in Tufara Valle. Come diceva SdO quella è una strada ” Nata male ” e io aggiungo ” Tenuta peggio “.
    Saluti

  7. e.a. ha detto:

    senza entrare nei meriti di chi e’ addetto a stabilire chi ha ragione oppure chi ha torto ,se i ragazzi correvano oppure non correvano ,tutte queste considerazioni adesso servono a ben poco .volevo semplicemente fare un appello a chi di dovere ,visto che questa strada e’ nata male ,tenuta peggio ,non illuminata, senza segnaletica ecc. perche’ non si fa qualcosa per migliorarla e quindi renderla meno rischiosa (e’ ovvio che ogni cittadino e’ tenuto a rispettare le regole della strada questo non si discute )

  8. e.a. ha detto:

    poi dimenticavo volevo chiedere al sig. GT ,penso di aver capito sia un agente di PS . lei signor GT ha comunicato tutta questa serie di disservizi che elencava sopra riguardanti la strada in questione ,per cercare appunto di renderla piu’ sicura?

  9. mario ha detto:

    Mi scuso se insisto, ma torno a ripetere: il rispetto delle regole è indispensabile per evitare tali tragedie. Infatti fa parte del rispetto delle regole tenere la strada a posto e in sicurezza, ma è anche vero che se i ragazzi non avessero superato il limite di velocità ovvero non si fossero distratti, a meno che la moto non gli avesse tagliato la strada o fosse priva di luci, la tragedia non si sarebbe verificata.

  10. GT ha detto:

    Beh si, cmq c’è sempre da tenere a mente che sono plurimi i fattori che determinano un incidente, una mossa repentina, un colpo di sonno, la velocità elevata, una distrazione…si dovrebbe ben conoscere la dinamica dei fatti…

  11. Leonardo ha detto:

    La colpa è un pò di tutti.
    Sia di noi privati che delle istituzioni.

    Abito al nord Italia da anni e con molta gioia scendo duo o tre volte l’anno nella mia fantastica terra del sul, in valle caudina.

    Ma, haimè, sono anni che scendo e vedo le nostre STRADE completamente distrutte e riparate male, segnali stradali Inesistenti, oppure vecchi e sbiaditi, storti e girati. Fossi d’appertutto.
    Ho paura che primo poi scasso i cerchi in lega e le sospensioni della mia auto.
    Segnaletica orizzontale (le linee bianche) inesistenti e illuminazione inesistente.
    Cè solo tanta monnezza per strada.
    Di notte, per chi non conosce le strade, Si può uscire fuori strada facilmente.

    E le istituzioni cosa fanno? Lasciano le strade in queste condizioni e spendono soldi per manifestazioni come Ciao Estate?

    SECONDO PUNTO:
    In giro per il cervinarese ci sono numerose auto super scassate, che non dovrebbero nemmeno passare la revisione, ma andare direttamente allo scasso. E invece, queste auto pericolosissime circolano regolarmente con tanto di revisione regolare.

    TERZO PUNTO:
    Le cinture di sicurezza le usano in pochissimi, gli indicatori di direzioni (le freccie) spesso non vengono usate. Il casco non esiste.

    QUARTO PUNTO:
    Io so benissimo che le forze dell’ordine lavorano onestamente, ma per paura di ritorsioni e ricatti, evitano di fare contravvenzioni, di sequestrare auto e patenti.

    QUINTO PUNTO: LO STILE DI GUIDA IN CAMPANIA
    Sorpassi a destra o sinistra, con striscia continua e in curva.
    Sorpassi a sinistra quando il semaforo e rosso e molte auto sono in coda in attesa del verde.
    Molti si incalanano nella corsia sinistra, destinata a chi si gira veramente a sinistra.

    Limiti di velocità quasi sempre mai rispettati.
    Ti tagliano la strada quasi sempre.

    Per quanto riguarda l’incidente che ha travolto le due persone.
    Bhe, quella sera, dopo un viaggio da Milano di ben 7 ore e quindi ero stanchissimo, imbocco la famosissima strada “Scorrimento Veloce” verso le 22.30 per poi arrivare a Cervinara.
    All’improvvisio trovo numerose auto ferme e la strada bloccata.
    Non c’era nessuna pattuglia delle forze dell’ordine che bloccava le auto all’entrata della scorrimento veloce e invitava a percorrere un’altra strada, visto che la strada dell’incidente era bloccata.

    Ho dovuto chiedere a qualcuno cosa era successo e se potevo passare. Mi è stato risposto che la strada era bloccata e che dovevo tornare indietro.
    E allora, anche seppur dispiaciuto per i due morti, mi si sono girati i cogl..ni perchè dopo tanta stanchezza ho dovuto far marcia indietro e percorrere un’altra strada.
    Ma è possibile che non ci fosse una pattuglia ad avvertitre che la strada era bloccata e ad invitare a percorrere un’altra strada?

    Eppure questa è una terra he amo e che merò sempre.
    Cerchimo di migliorare tutti il nostro comportamento, le nostre cattive abitudini.

  12. GT ha detto:

    Caro Leonardo,
    sono d’accordo con te in quasi tutti i punti ad esclusione di:
    QUARTO PUNTO:
    Io so benissimo che le forze dell’ordine lavorano onestamente, ma per paura di ritorsioni e ricatti, evitano di fare contravvenzioni, di sequestrare auto e patenti.

    QUINTO PUNTO:
    Ma è possibile che non ci fosse una pattuglia ad avvertitre che la strada era bloccata e ad invitare a percorrere un’altra strada?

    Per ciò che concerne il quarto punto, ti posso assicurare che i tutori dell’ordine che sia polizia o carabinieri non temono ritorsioni o ricatti in quanto ( e te lo posso affermare in prima persona essendo un agente di P.S. ) i verbali vengono notificati agli automobilisti tutti i giorni, mediamente 12 – 15 verbali al giorno ( Considerando che di notte in un turno 00/07 di auto che girano durante la settimana sono poche ). I sequestri di auto come dici tu irregolari sono effettuati ( quando per la revisione, quando per l’assicurazione, quando per la patente ). Se scorri un pò l’archivio potrai notare un articolo nel quale si parla di un denunciato per tentato omicidio che aveva tentato di investire un mio collega durante un posto di controllo ( ciò fa capire che la presenza sul territorio anche di notte viene assicurata ). Per ciò che concerne il punto cinque e precisamente la mancanza di pattuglie sulla scorriemento veloce quella notte ti posso dire che erano impiegate due pattuglie dei CC ( Cervinara – Montesarchio ) e una della P.S. ( Cervinara ).
    Come si evince anche dai filmati le forze dell’ordine erano intente ad eseguire i ( tristi ) rilievi del caso.
    Comunque mi unisco a te per ciò che concerne la viabilità al Nord, ci ho vissuto per qualche tempo e non c’è proprio paragone con le strade di qui.

  13. elisa ha detto:

    salve.volevo solo sapere come stanno i due ragazzi,lei era incinta..

  14. CLS ha detto:

    Ciao elisa,

    purtroppo la donna e il suo compagno sono morti nell’incidente.
    Se ti riferisci a chi guidava l’auto che li ha investiti, non abbiamo notizie in proposito.

Commenti

commenti

Forse ti possono interessare anche queste notizie