Cronaca - Montesarchio. Agenti della Forestale sequestrano autocarro con rifiuti speciali

Foto Montesarchio

Continua incessante l’attività di contrasto agli illeciti in materia ambientale da parte degli agenti del Corpo Forestale dello Stato del Comando Stazione di Montesarchio.
Questa mattina lungo la Statale 7 Appia nel territorio di Montesarchio, gli agenti hanno sottoposto a sequestro un autocarro che trasportava dei rifiuti speciali in violazione alla normativa vigente in materia. Per tale violazione sono state deferite due persone dell’hinterland napoletano. Già nei giorni scorso gli Agenti della Forestale di Montesarchio hanno posto sottosequestro penale altri due autocarri sempre per trasporto illecito di rifiuti speciali pericolosi. Per tale attività sono stati deferiti all’Autorità giudiziaria sia i titolari degli automezzi sia i trasportatori. Inoltre a carico dei trasportatori dei rifiuti sono state elevate sanzioni amministrative.
Fonte: Retesei

sabato 8 marzo 2008. Letture: 2251.


Commenti

  1. carmine ha detto:

    chi vuol intendere, intenda:
    E’ partita ieri mattina la richiesta indirizzata al COMIECO, da parte del Settore Attività produttive – Servizio Igiene e Sanità, per ottenere la convenzione diretta per avviare una collaborazione con questo consorzio che ritira i materiali riciclabili come carta e cartone. “L’iniziativa, ha spiegato l’assessore al ramo Valter Vagli, è finalizzata a porre fine allo stato di disagio per il disservizio causato dal mancato ritiro da parte del Consorzio BN2 della carta e cartone. Non possiamo tollerare, continua Vagli, che venga reso vano tutto il lavoro fatto, dall’amministrazione e dai cittadini, per riuscire a ripulire le strade della città da cassonetti e spazzatura, a causa del continuo stazionamento di cumuli carta dinanzi alle case ed alle attività produttive Voglio precisare, prosegue l’assessore, che l’amministrazione si è fatta sempre carico della problematica, affidando l’incarico, di volta in volta di ripulire le strade alla ditta Sogesi che ha in appalto, per il comune, la gestione della raccolta differenziata. In questi anni, la situazione è andata aggravandosi, spiega ancora l’assessore, perché il Consorzio BN2, ha in appalto in altri comuni vicini, la raccolta differenziata dei rifiuti, e quindi, si ritrova con carenza di personale, come lo stesso Consorzio ha comunicato al nostro comune dopo una delle tante diffide, per cui non può effettuare regolarmente il servizio. Il settore Servizio igiene e sanità, specialmente in questo ultimo anno ed in questi ultimi mesi, ha tempestato il Consorzio Bn2 di diffide, facendo presente le lamentele dei cittadini e la grave situazione sanitaria che si veniva a creare. Inoltre, ogni volta che diamo incarico alla Sogesi di ritirare la carta e cartone, precisa ancora il dott. Vagli, l’ente comunale deve sostenere costi aggiuntivi, in quanto si tratta di un lavoro che esula dal contratto stipulato dall’ente con l’azienda, a cui si aggiunge quanto il comune paga per la convenzione con il BN2. Riteniamo, quindi, sia ora di mettere fine a questo dispendio di risorse senza ottenere un servizio regolare”. La convenzione diretta con il COMIECO, consentirebbe pertanto, al comune, di ottenere il pagamento diretto della carta e cartone raccolto, ad un prezzo favorevole e nello stesso tempo, potrà recedere dalla convenzione con il BN2, e quindi, affidare anche questo settore alla ditta Sogesi che ha dimostrato la sua professionalità nel settore.
    A causa del disservizio del Consorzio, inoltre, nell’ultimo periodo la percentuale di carta e cartone attribuita come differenziata al comune di Montesarchio, è scesa circa al 20%, mentre, quando il servizio era eseguito in modo regolare, aveva raggiunto livelli alti. Inoltre, quando la carta ed il cartone restano per più giorni abbandonati, perdono la qualità necessaria per essere riciclati, perché si bagnano, si sporcano e quindi non sono più buoni per essere rilavorati.
    “Speriamo, conclude Vagli, di ottenere al più presto delle direttive dal COMIECO, in modo da rendere immediatamente attiva la collaborazione con lo stesso e quindi eliminare il disagio che in questo periodo è causato al cittadino”.

  2. carmine ha detto:

    fonte il sannio

  3. RM ha detto:

    Parlando di forestale, ora voi Cervinaresi siate arrivati all’ora di dire addio alle belle sleve che da castello portano verso il maffariello.

    Perche col violento decreto di occupazione “D’URGENZA”
    n. 2571 del 20/06/2006, questi terreni sono stati espropriati per “SALVARE” il paese da disastri idrogeologici.

    Un opera pubblica, inutile e dannoso al pubblico stesso!

    Un autentico spreco di denaro che puo esssere utillizato meglio altrove, e’ persino una autentica lesione al fantoccio parco clientelare del partenio.

    Ma che lo dico a fare? Le case a Iofredo si debbono ancora demolire e si deve ancora ripristinare la piazza, ma per fare questo e una decina di case sono spiccioli, niente a confronto con i soldi che si possono fare ora in montagna, con la scusa del pericolo e la complicita’ dei soliti mangioni che non si affogano mai!

    (Mai dire mai!)

    Non ci vogliono milioni di euro per fare quattro case e distuggere una montagna, ma per abbuffare i soliti porci si!

  4. Sampei ha detto:

    E la cosa piu’ grave e’ che questi milioni di euro serviranno a finanziare una colata di cemento inutile e in piena montagna.

    Il posto in cui si trova la piazza di ioffredo e’ pericoloso e lo sarà per sempre. Le case vanno demolite e ricostruite altrove.

  5. RM ha detto:

    Veramente le due case costrutite sul fiume erano pericolose ed erano il problema principale, bloccavano il fiume in caso di piena, infatti ha bloccata il percoso del acqua e fango, cosi’ furrono travolte dalla piena e ha deviato l’acqua e fango nella direzione delle altre case.

    Con un miglioramento del percorso del acqua questo proplema viene evitato, cosi possono tornare almento 4 o cinque delle case in piazza.

    Vivo a pochi passi giu per la discesa di Ioffreado, non ho subito danni, l’acqua e andata a finire nelle pianure di cervinara.

    Comunque le grande catene dovrebbe rimediare il problema per il futuro, anche se esagerate, sul lato positivo; invece di andare a raccogliere castagne andro’ a fare “Skateboarding”, nel contempo la mia proprieta’ con quella di altre persone e’ stata espropriata’ per quest’ opera pubblica di proporzioni e’ spese esagerate.

Commenti

commenti

Forse ti possono interessare anche queste notizie