Cronaca - Montesarchio. Profanato il cimitero. Distrutte una ventina di tombe, danneggiati diversi loculi e cappelle gentilizie

Foto Montesarchio

Profanato in modo indegno e vergognoso il cimitero di Montesarchio. Questa mattina quando il custode è andato ad aprire come al solito, si è trovato di fronte ad uno spettacolo davvero inqualificabile sotto ogni punto di vista. Ignoti si sono introdotti nel camposanto, probabilmente durante la notte, ed hanno sfogato contro tombe e loculi una rabbia feroce e bestiale.

Circa una ventina di tombe e diversi loculi sono state danneggiati in modo davvero pesante. E come se qualcuno le avesse colpite con oggetti pesanti proprio per sfondarle. Una parte del cimitero si è presentata questa mattina come una vera e propria massa di detriti. Il custode ha dato subito l’allarme e sul posto si sono portati i Carabinieri della compagnia di Montesarchio, diretta dal Capitano Francese ed i vigili del locale comando municipale.

I Carabinieri hanno cercato di raccogliere elementi utili per identificare gli autori di questo vero e proprio misfatto mentre i vigili urbani hanno effettuato un elenco di tutte le tombe ed i loculi danneggiati per avvisare i proprietari. Anche perché questa mattina il cimitero è rimasto chiuso per permettere almeno agli operai di raccogliere i detriti. I visitatori sono rimasti fuori dei cancelli, intuendo che era successo qualcosa di grave. Chi abbia potuto effettuare un atto così indegno e sacrilego, per il momento resta un mistero. Le indagini dei carabinieri sono orientate a 360 gradi, l’unica pista che si può escludere dovrebbe essere quella di una setta satanica.

Il camposanto è stato profanato ma in giro sembra non siano stati trovati tracce di messe nere. Il cimitero di Montesarchio resta chiuso il lunedì, quindi, i teppisti hanno avuto due notti per agire indisturbati, prima che qualcuno potesse dare l’allarme. Appena la notizia si è diffusa ha provocato grande sconcerto non solo a Montesarchio ma nell’intera Valle Caudina perché episodi del genere non sono per nulla frequenti nella nostra zona. Si è levato, quindi, un coro unanime di sdegno contro questo episodio che colpisce tante persone negli affetti più cari e per i quali si dovrebbe provare solo un profondo rispetto. Ci si augura che al più presto gli autori di questa brutta storia vengano assicurati alla giustizia. Intanto, nei prossimi giorni, i proprietari delle tombe e dei loculi danneggiati faranno in modo di riportare la situazione alla normalità.

fonte: Retesei

martedì 4 ottobre 2005. Letture: 2512.


Forse ti possono interessare anche queste notizie