Cronaca - Roccabascerana. Arrestate tre persone che hanno ridotto un 26enne in fin di vita

E’ una bruttissima storia quella che si è consumata ieri sera a Cassano Caudina, piccola frazione di Roccabascerana, Francesco Pepicelli, 26enne del posto, si trova ricoverato in gravissime condizione presso l’ospedale Rummo di Benevento,. Il giovane è stato già sottoposto ad un’operazione alla testa per rimuovere un ematoma alla base del cervello.

Il 26enne è rimasto vittima di un’aggressione che i carabinieri hanno definito spietata e violenta. Secondo quanto accertato dai militi della locale stazione, al comando del maresciallo Battista e dai colleghi della compagnia di Avellino, diretta dal capitano Mirante, il ragazzo, che in passato aveva avuto dei problemi di tossicodipendenza, è rimasto vittima di una vera e propria spedizione punitiva. Ad aggredirlo, anche con spranghe e mazze, nel cortile della sua abitazione tre persone della vicina Pannarano, due pregiudicati di 42 e 52 anni ed il figlio di quest’ultimo di 22 anni. Proprio uno screzio tra il il 26enne ed il 22enne, sarebbe stato alla base della spedizione punitiva. Le grida del 26enne hanno attratto l’attenzione del fratello il quale, secondo quanto egli stesso ha dichiarato ai carabinieri, sarebbe stato bloccato da uno dei tre con un coltello. Solo quando i tre sono andati via gli è stato possibile soccorrere il fratello e correre in auto sino al Rummo di Benevento dove il 26enne è stato operato dal sindaco del suo paese, il dottore Testa.

Le sue condizioni restano gravissime. In contemporanea con l’arrivo in ospedale sono partite anche le indagini dei carabinieri che si sono protratte per tutta la notte e buona parte della mattinata e si sono concluse con l’arresto dei tre. Per loro, che ora sono reclusi presso il carcere di Bellizzi Irpino, l’accusa è tentato omicidio.

Fonte: Retesei

martedì 5 dicembre 2006. Letture: 1842.


Commenti

  1. Leonardo ha detto:

    Spero sia fatta giustizia al più presto prima che parenti e amici si facciano giustizia da soli con altrettante spranghe e mazze.

Commenti

commenti

Forse ti possono interessare anche queste notizie