Cronaca - San Martino VC. Arrestato Gerardo Marino, 53 anni, era latitante dal mese di giugno dello scorso anno

Foto San Martino Valle Caudina

E’ riuscito a sfuggire alla cattura qualche settimana in più del suo famoso cognato, ma alla fine anche lui è incappato nelle rete degli investigatori che gli davano la caccia dal giugno del 2005.

Gerardo Marino, 53enne di Casagiove in provincia di Caserta, cognato di Gennaro Pagnozzi, considerato il capo indiscusso di un clan camorristico, operante da anni in Valle Caudina, nel pomeriggio di ieri è stato tratto in arresto nel corso di un’operazione portata a termine con successo dai carabinieri della compagnia di Avellino, al comando del capitano Nicola Mirante e dei colleghi della stazione di San Martino Valle Caudina, agli ordini del maresciallo aiutante, Luigi Fabozzi.

La cattura di Marino, che dagli inquirenti viene considerato il numero quattro del clan, subito dopo il Giaguaro ed i suoi due figli, è avvenuta in via Starze, a meno di cento metri della stazione dei carabinieri, nell’abitazione del cognato. Marino nel pomeriggio, a bordo di una polo, è arrivato a San Martino Valle Caudina, non immaginando che la zona era tenuta sotto strettissimo controllo, dai carabinieri.

Il capitano Mirante, dopo la cattura di Gennaro Pagnozzi, avvenuta il 18 gennaio scorso, si attendeva che Marino prima poi facesse una mossa falsa, lasciando il suo rifugio, che probabilmente, come quello del cognato, si trovava nel napoletano. E così, il suo ingresso nel centro caudino è stato subito notato dai militi. A questo punto è scattata la trappola. L’abitazione di via Starze è stato circondata ed i carabinieri hanno fatto irruzione all’interno.

Il maresciallo Fabozzi ha subito riconosciuto Gerardo Marino, il quale non ha avuto il tempo neanche di dire una sola parola e non ha opposto alcuna resistenza, non era armato e non aveva documenti. Con sé non aveva portato indumenti personali, segno che il suo ritorno a San Martino doveva durare solo qualche ora. Non aveva pensato che ad attenderlo c’erano i carabinieri che chi sa per quanto tempo hanno aspettato qualche mossa falsa da parte del 53enne. Marino, che ha sposato la sorella di Gerardo Pagnozzi, deve rispondere di associazione a delinquere di stampo camorristico e di quattro episodi di usura.

Fonte: Retesei

martedì 14 febbraio 2006. Letture: 3876.


Forse ti possono interessare anche queste notizie