Cronaca - San Martino VC. Notte d’arancia meccanica per un 82enne

Foto San Martino Valle Caudina

Notte d’arancia meccanica per un 82enne di San Martino Valle Caudina. Due uomini sono penetrati nell’abitazione dell’anziano che vive da solo in contrada Crocevia per derubarlo. L’82enne deve aver sentito dei rumori sospetti, si è alzato dal letto ed è andato a vedere quello che stava succedendo.

A questo punto per lui è cominciato la notte di incubo. I due malfattori, che avevano il volto coperto, lo hanno bloccato e minacciandolo con un coltello lo hanno scaraventato sul letto. Sempre sotto la minaccia del coltello si sono fatti consegnare il denaro che aveva in casa, circa duecento euro., ed un fucile da caccia legalmente detenuto. Poi sono andati via, non prima, però, di avere tranciato i fili del telefono. Dopo un po’, però, l’82enne si è scosso ed è corso a chiedere aiuto. A questo punto ha incontrato una pattuglia dei carabinieri del piccolo centro caudino, al comando del maresciallo aiutante, Luigi Fabozzi, che, prima hanno rassicurato l’anziano e poi subito hanno cominciato la caccia ai due rapinatori.

Per le modalità della rapina, il maresciallo Fabozzi, ha capito che si doveva trattare di persone del posto che conoscevano l’anziano e sapevano che viveva da solo. E l’intuizione del comandante si è rivelata giusta. Dopo un po’, infatti, i due sono stati identificati ed sono stati ritrovati anche il coltello servito per minacciare l’anziano e lo scooter utilizzato per la fuga. Trascorsa la flagranza del reato i due, un 37enne ed un 29enne, del posto non sono stati arrestati ma solo deferiti in stato di libertà per il reato di rapina. I due erano usciti da poco dal carcere grazie alla legge sull’indulto ed erano tornati subito alle loro vecchie abitudini. Davvero fulminea è stata la risposta dei carabinieri di San Martino Valle Caudina contro questo episodio che avrebbe procurato un grosso allarme nella popolazione del posto se fosse rimasto impunito.

Fonte: Retesei

sabato 9 settembre 2006. Letture: 2057.


Commenti

commenti

Forse ti possono interessare anche queste notizie