Cronaca - San Martino VC. Scarcerato Domenico Pagnozzi

Foto San Martino Valle Caudina

Domenico Pagnozzi è tornato in libertà. Sabato sera ha lasciato il carcere di massima sicurezza di Nuoro senza aver più alcun carico pendente. 48anni, sposato con due figli, Domenico Pagnozzi, detto il Professore, primogenito di Gennaro, è considerato dagli atti della commissione parlamentare antimafia, insieme a Biagio Cava, uno dei personaggi più pericolosi della criminalità organizzata nelle province di Benevento ed Avellino.

Ma nonostante questo ha ottenuto la libertà a tutti gli effetti. L’ultima volta era stato tratto in arresto, presso il casello autostradale di Caianello il 2 febbraio del 2006. Doveva scontare una pena di sei anni di reclusione per reati associativi ma dal novembre del 2000, il Professore, assistito dall’avvocato Dario Vannetiello, è stato protagonista di una serie infinita di successi giudiziari. Gli ultimi in ordine di tempo sono stati raggiunti tutti nello scorso mese di Aprile.
L’avvocato Vannetiello ha presentato alla terza sezione della corte di appello di Napoli, la richiesta del reato continuato e la corte, presidente Maffei, giudici a latere, Vesce e Izzo, glielo ha concesso. Così la pena è passata da sei a tre anni. Sempre il difensore, poi, ha chiesto alla procura generale, presso la corte di Appello di Napoli, la misura dell’indulto ed anche questa è stata concessa. Infine, al magistrato di sorveglianza, presso il supercarcere di Nuoro, è stata chiesta la riduzione di 45 giorni di pena per il buon comportamento che Pagnozzi ha avuto in detenzione ed anche questa richiesta è andata a buon fine.

Così, Domenico Pagnozzi, è tornato in libertà senza avere più condanne da scontare. Ha già trascorso 11 anni in carcere ed è stato condannato complessivamente a 30 anni, ma grazie all’applicazione del reato continuato, gli anni sono scesi a 16 e poi l’indulto ha fatto il resto. Inoltre, negli ultimi sei anni ha ottenuto l’assoluzione per una serie di reati che gli erano contestati dalla direzione distrettuale antimafia. Era stato chiamato in causa anche per due omicidi ma le richieste di arresto presentate dai PM sono state sempre rigettate.

Fonte: Retesei

lunedì 7 maggio 2007. Letture: 4127.


Commenti

commenti

Forse ti possono interessare anche queste notizie