Discarica Tre Ponti - Mobilitata la Valle Caudina. “Fermeremo la discarica a Tre Ponti”

Foto Valle Caudina

Il problema legato allo smaltimento di molte tonnellate di rifiuti in Valle Caudina sta spingendo la popolazione locale alla ribellione radicale, seppur in forma pacifica. Il Commissario straordinario Gianni De Gennaro ha ufficializzato, tra numerose polemiche, che uno dei tre siti destinati a smaltire l’enorme quantità d’immondizia, sarà quello di Tre Ponti, al centro della Valle Caudina. Dunque, riaprirà la discarica di Villaricca e sono già scoppiati scontri e blocchi stradali nella cittadina partenopea all’ingresso dello sversatoio in località Riconta. Per lo stoccaggio delle ecoballe sono Marigliano, Pianura e Ferrandelle le aree che dovrebbero contribuire alla soluzione del problema ambientale. Le discariche funzioneranno per quasi quattro mesi o funzionare affinché si possa decongestionare il tutto e riavviarli per la lavorazione di ecoballe sicure. Tutta la “munnezza” al centro delle cronache internazionali dovrebbe approdare in queste cittadine, che si ribellano con decisione. I Sindaci della Valle hanno indetto una manifestazione che partirà da Montesarchio per concludersi proprio nella zona adibita a discarica in passato e che sarebbe dovuta essere bonificata. L’iniziativa è stata presa di comune accordo con i Comitati Civici, rispolverati dopo le battaglie di qualche anno fa che hanno visto proprio la zona di confine fra le province di Avellino e Benevento ospitare addirittura montagne di rifiuti extraterritoriali. La mattinata di sabato sarà, dunque, l’occasione per manifestare il proprio dissenso per una situazione in pratica insostenibile. De Gennaro, ex capo della Polizia di Stato, incaricato dal Premier Romano Prodi, ha ufficializzato la scelta, nonostante le condizioni fuori norma, a quanto pare, del sito scelto.

Valerio Criscuoli, Corriere Irpinia 24/01/2008

giovedì 24 gennaio 2008. Letture: 2062.


Commenti

  1. sav... ha detto:

    forza sammartinesi fatevi rispettare…
    facciamoli passare per le forche caudine.
    prima si fregano i soldi e poi l’immondizia la vogliono scaricare da noi avvelenando le nostre terre.
    la monnezza portatela a casa di quelli che hanno rubato sia di destra che di sinistra…non fa differenza, rubano nello stesso modo
    saluti e in bocca al lupo

  2. XXL ha detto:

    Non solo i sammartinesi devono farsi rispettare. La situazione è grave e coinvolge tutta la Valle Caudina!

Commenti

commenti

Forse ti possono interessare anche queste notizie