Discarica Tre Ponti - Montesarchio. Dalla discarica di Tre Ponti si leva un odore nauseabondo

Foto Montesarchio

Mentre continua il conferimento dei rifiuti nella discarica di Tufara Valle, gli abitanti delle zone limitrofe cominciano ad accusare e a segnalare alle autorità competenti i primi problemi. L’arrivo del caldo sta determinando, nelle ore serali e nelle prime ore del mattino, lo spandersi nell’aria di un odore nauseabondo.

Il problema dovrebbe essere appannaggio del commissariato di governo per l’emergenza rifiuti in Campania, ma per il momento la struttura di Catenacci sembra voler fare orecchie da mercante ed, intanto, aumentano i disagi dei cittadini di diversi comuni che gravitano intorno a Tre Ponti. Secondo qualcuno ci potrebbero essere ammorbante. Odore, che secondo gli esperti, con il passare dei giorni e delle settimane e con l’arrivo dell’estate, dovrebbe aumentare di molto.

Ricordiamo, che secondo gli accordi la discarica dovrebbe restare attiva sino al nove di ottobre, quindi, riceverà rifiuti per tutta la primavera e per tutta l’estate. Si sta cercando di porre rimedio a questa vicenda. Antonio Izzo, sindaco di Montesarchio, comune di cui fa parte il sito, ha contattato una casa farmaceutica di livello mondiale che gli ha assicurato che l’odore potrebbe essere completamente abbattuto con l’ausilio di enzimi che vengono sparsi durante le operazioni di scarico. Ma l’operazione ha un costo che certamente il comune di Montesarchio non può sobbarcarsi anche i presupposti per il sequestro della discarica perché mette a rischio la salute pubblica.

Comunque la Valle Caudina ha già pagato un prezzo oneroso sull’altare dell’emergenza rifiuti ed il commissariato di governo dovrebbe al più presto cedere alle richieste del primo cittadino di Montesarchio per non aggiungere al danno anche la beffa.

Fonte: Retesei

sabato 13 maggio 2006. Letture: 2728.


Commenti

commenti

Forse ti possono interessare anche queste notizie