Discarica Tre Ponti - Montesarchio. Sen. Izzo: sulla discarica ennesimo balletto di dichiarazioni del Sindaco di Montesarchio

Foto Montesarchio

Cosimo Izzo, vice-coordinatore regionale di Forza Italia e candidato al Senato della Repubblica, interviene ancora una volta sulla vicenda discarica a Tre Ponti. “Abbiamo assistito – afferma Izzo – con sconcerto, in questi giorni, all’ennesimo balletto di dichiarazioni del sindaco di Montesarchio sulla discarica di Tre Ponti che, nell’ennesima emergenza rifiuti delle ultime ore, diventa la terra promessa per l’immondizia della Campania.

Sui giornali del 28 marzo scorso, il primo cittadino di Montesarchio dichiara testualmente che “la Provincia di Benevento a tutt’oggi resta sostanzialmente inadempiente rispetto alle obbligazioni assunte con la sottoscrizione dell’accordo di programma del 28 ottobre 2005” e che “ancora non vi è un progetto esecutivo e cantierabile, relativo alla riqualificazione dell’area”. Soltanto 24 ore dopo, il 29 marzo, i giornali riportano l’ulteriore intervento del sindaco Antonio Izzo, secondo il quale “la Provincia era in ritardo per questo progetto. Oggi, con la determina prevista in base alla legge 109/94, questo ritardo è superato”. In altre parole : contrordine, compagni ! Tutto è tornato a posto. In sole 24 ore un progetto che prima non esisteva, ora c’è e si può andare avanti”. “E’ il caso, perciò, di spiegare – prosegue Izzo – al primo cittadino di Montesarchio che delle due l’una: o il progetto non c’è ed in tal caso le opere realizzate configurano un abuso edilizio contro il quale il sindaco Izzo è tenuto a procedere a termini di legge, o il progetto che ieri non c’era oggi, per incanto, è apparso in tutto il suo fulgore, prefigurando, purtroppo, un scenario inquietante per i cittadini della Valle Caudina.

Nel prossimo giro di valzer di dichiarazioni e smentite del giorno dopo, il sindaco Izzo ci spieghi in quanto tempo si riempirà la discarica di Tre Ponti che, progettata per lo stoccaggio di 400.000 metri cubi di rifiuti, sembra destinata a divenire lo sversatoio risolutore dell’emergenza-rifiuti dell’intera Campania, isole comprese. Non si ha notizia, nel contempo, delle fantomatiche iniziative preannunciate qualche mese or sono dal presidente del Consiglio Regionale a sostegno dei cittadini della Valle Caudina, né si ha notizia del pensiero e delle opinioni sull’argomento degli esponenti nostrani della Margherita e della restante parte del centro-sinistra, evidentemente troppo impegnati a disegnare organigrammi e, magari, ad organizzare la spartizione dei Sottosegretari del Governo Prodi prossimo venturo”. “Purtroppo – conclude Izzo – le loro aspettative sono destinate a restare deluse, in quanto l’intelligenza e la sensibilità dei cittadini, primi fra tutti gli amici della Valle Caudina, farà prevalere, il 9 e 10 aprile, le ragioni di una politica votata al servizio dei cittadini ed alla protezione dei loro interessi primari”.

Fonte: Retesei

domenica 2 aprile 2006. Letture: 2414.


Commenti

commenti

Forse ti possono interessare anche queste notizie