Discarica Tre Ponti - San Martino V.C. Discarica, il consiglio vara il blocco per i compattatori. E l’allarme viabilità si propaga

SAN MARTINO V.C. – Dopo la notizia data in anteprima ieri da Ottopagine, il consiglio comunale caudino ha votato il divieto di transito sul territorio comunale degli automezzi pesanti. Adducendo precise e dettagliate motivazioni di natura ambientale e sanitaria, considerando anche l’elevato tasso di popolosità delle due zone periferiche interessate da un eventuale passaggio dei compattatori, “Carcarella” e “Torretiello”.
Una decisione assunta per evitare il rischio, più che mai attuale, di far ricadere sulla pelle dei cittadini di San Martino le scelte assunte dal comune di Montesarchio e dalla provincia di Benevento. E di evitare quindi, oltre al danno di una discarica regionale a due passi, anche la beffa di centinaia di compattatori che attraversano quotidianamente il paese, intasando il traffico e ammorbando l’aria. Di qui la decisione di dare vita ad una ordinanza sulla quale si è lavorato con cura nei giorni scorsi.
Ma la questione viabilità non riguarda solamente San Martino. Nei giorni scorsi infatti ad Arpaia – paese sannita che si estende proprio lungo la Strada Statale Appia – si è tenuto un vertice cui hanno partecipato il Prefetto di Benevento, i comandanti della sezione Polstrada di Caserta e Benevento, ed un rappresentante dell’Anas. Motivo: trovare una soluzione al transito continuo dei Tir che provocano continue vibrazioni negli edifici.
Il compito di effettuare le misurazioni sarà affidato ad una ditta specializzata dalla stessa Anas e dal comune di Arpaia. Nel corso del vertice, è stata avanzata anche l’ipotesi di deviare il traffico pesante degli automezzi diretti a Benevento per Valle di Maddaloni. Anche qui, bisognerà valutare con precisione se la soluzione sia percorribile o meno.
Certo è che l’iniziativa non cade a caso, ed è strettamente riconducibile con quanto potrà avvenire se i compattatori da e verso la discarica di “Tre Ponti” dovessero transitare per Arpaia. Rallentamenti, disagi alle abitazioni e soprattutto un pesante inquinamento.
Insomma, la sfida sulla viabilità è solamente all’inizio e porta dietro di se delle lotte per evitare ulteriori disagi a quei comuni, San Martino Valle Caudina in primis, già danneggiati dalla creazione della discarica regionale.
Giovanbattista Lanzilli
Fonte: Ottopagine

lunedì 6 marzo 2006. Letture: 2891.


Forse ti possono interessare anche queste notizie