Economia - Airola. Sempre più presente lo spettro della crisi per la Benfil

Foto Airola

Alti costi per l’energia, concorrenza spietata dei produttori asiatici, difficoltà nel collocare i prodotti sul mercato. Sono queste le ragioni che hanno portato la Benfil, fabbrica di filati insediatasi grazie alle agevolazioni del contratto d’area di Airola, a chiedere la cessazione di ogni attività. Cessazione che dovrebbe arrivare entro la fine dell’anno e che prevede la cassa integrazione guadagni straordinaria per 24 mesi per i 125 operai e poi la fine, ossia, il licenziamento. Insomma Airola, dopo la chiusura dell’Alfacavi, nella prima metà degli anni novanta, si trova nuovamente di fronte ad una grande crisi del settore industriale che investe l’intera Valle Caudina. La chiusura della Benfil, infatti, avrebbe della ricadute dirette anche sulla Tessival, l’altra azienda che si è insediata sempre grazie al contratto d’area e che, però, ha più del doppio degli operai.

La ratio del contratto d’area per quell’area di crisi, infatti, era quella di creare un polo tessile. In buona sostanza la Benfil avrebbe prodotto il filati e la Tessival li avrebbe lavorati. Venendo a mancare uno degli anelli della catena anche la seconda azienda potrebbe incontrare delle forti difficoltà. Questo è il timore dei lavoratori e dei sindacati. Per insediarsi nel contratto d’area e per ottenere i benefici previsti le aziende dovevano garantire un periodo di produzione di cinque anni. Il quinquennio per la Benfil è scaduto lo scorso 30 di settembre e dopo meno di un mese è scattato lo stato di crisi, con la notizia della cessazione delle attività, anche se dalla primavera scorsa c’erano stati i primi inquietanti segnali.

Lavoratori e sindacati stanno investendo del problema tutti i rappresentanti istituzionali caudini e non solo, ma, per il momento, la vicenda sembra avviarsi al peggiore degli epiloghi. Ad essere colpita al cuore sarebbe non solo Airola, ma l’intera Valle Caudina, una zona che sta accusando da diversi anni una fortissima crisi occupazionale.

Fonte: Retesei

giovedì 30 ottobre 2008. Letture: 3160.


Forse ti possono interessare anche queste notizie