Economia - Valle Caudina. Vendemmia verso la conclusione, ma è un’annata da dimenticare

Foto Valle Caudina

VALLE CAUDINA – Si avvia alla conclusione la vendemmia 2005 ed i produttori della Valle Caudina fanno sentire forte la propria voce. Un’annata non propriamente brillante, che per alcuni si è tramutata in un raccolto delle uve scarso e molto al di sotto delle aspettative. E non manca chi grida al disastro. Le abbondanti piogge delle ultime settimane, oltre a ritardare pericolosamente la raccolta, hanno anche danneggiato gli acini.
Sulla fascia del Partenio, la vendemmia in molti casi ha preso il via soltanto ieri, cioè con il primo giorno utile di bel tempo. E per gli imprenditori agricoli – senza dimenticare i lavoratori diretti, i quali però producono il “nettare degli dei” soprattutto ai fini dell’autoconsumo – non è stato certamente un bello spettacolo, con parte del raccolto inutilizzabile. La crisi in Valle Caudina risente anche dell’annata sfavorevole che ha contraddistinto anche il Sannio, dove i produttori sono sul piede di guerra e minacciano azioni clamorose – anche il blocco delle arterie stradali – nel caso in cui gli enti preposti non vengano incontro alle loro richieste di aiuto e di sostegno al settore. Per fortuna però anche se la vendemmia 2005 sarà ricordata per il maltempo e per una produzione inferiore rispetto ai soliti standard, a non essere intaccata è stata la qualità.
La Valle Caudina si conferma, nonostante tutto, un territorio di qualità per quanto riguar5da la produzione di vino. Gli agricoltori di Cervinara, San Martino Valle Caudina, Rotondi e Roccabascerana possono fare affidamento su uve di variegate tipologie, sia di bianco che di rosso. Certo, non si può competere con le “stelle” d’Irpinia come il Greco di Tufo o il Fiano, ma sulle tavole dei cittadini caudini arriva comunque un vino gradevole. La produzione ancora non è terminata, anche se la maggior parte dei produttori ha già concluso il ciclo della vendemmia. Nonostante la pioggia e la malasorte.
Giovanbattista Lanzilli

Fonte: Ottopagine

mercoledì 12 ottobre 2005. Letture: 3006.


Forse ti possono interessare anche queste notizie