Politica - Cervinara. Videoconferenza di CasaPound: “Natale non conforme, tra consumismo, storia, etica e denaro”

Foto Cervinara

Il Direttivo Provinciale di CasaPound Avellino e della Comunità Militante Caudina 451 martedì 4 gennaio inaugurerà il nuovo anno di lotta in Irpinia con una videoconferenza dal titolo: “Natale non conforme, tra consumismo, storia, etica e denaro”. Le tematiche che saranno affrontate, presso il Bro Pub di Via Roma a Cervinara, verso le 19.30, sono le seguenti:Tradizioni d’Europa, la storia del Natale, le origini pagane, il mondo Cattolico e il consumismo dei nostri giorni. Etica di lotta per il Territorio, tutto l’anno e senza soste, in barba a chi si risveglia solo per apparire. Natale del terzo millennio, la festa del consumismo? Il Dio danaro che sovrasta tutto/i/e? Regali scomodi, ossia la situazione economica odierna, i tagli del $istema per il 2011 e il dilagante strapotere delle banche private. Al delicato incontro interverranno Valerio Criscuoli, presidente provinciale di CasaPound Avellino, Emmanuela Florino, Presidentessa di CasaPound Napoli e responsabile regionale campana, Matteo Cobalto, presidente CasaPound Costiera Amalfitana, Valerio Pisaniello, dirigente regionale Giovani Democratici del PD, Angelo Vaccariello, giornalista del quotidiano “Il Denaro”, Enzo Lecci, consulente finanziario e attivista dell’ associazione consumatori, Pino Mauriello, esponente della Sinistra Ecologia e Libertà, nonché consigliere comunale a San Martino Valle Caudina e Filuccio Tangredi, Sindaco di Cervinara e consigliere provinciale. “La videoconferenza sul Natale non conforme- dichiara Valerio Criscuoli- sarà l’occasione per discutere apertamente dell’attualità che vivono i giovani cittadini del Terzo Millennio, in maniera costruttiva e soprattutto fuori dagli schemi del passato. Colgo l’occasione per esprimere la piena solidarietà di CasaPound Avellino e della Cmc451 alla sezione del Partito Democratico e dei Giovani Democratici che ha subito un vile attentato a San Martino Valle Caudina. Chi difende la propria terra, indipendentemente dai colori, deve essere rispettato e tutelato. Cerchiamo di combattere il clima d’odio e d’intolleranza con il dialogo costruttivo e lo scontro culturale”.

Fonte: Comunicato Stampa

lunedì 3 gennaio 2011. Letture: 2307.


Commenti

commenti

Forse ti possono interessare anche queste notizie