Politica - Moiano. Un anno al Comune nelle parole del primo cittadino

Foto Moiano

Pietro Palma, primo cittadino di Moiano è in carica dal giugno dello scorso anno ed è stato eletto sindaco all’interno di una lista civica, succedendo a Bernardino Buonanno. Con lui si aprono gli interventi sul nostro quotidiano riservati ai sindaci della Valle Caudina.

Ripercorrendo le linee programmatiche presentate agli elettori in occasione delle ultime consultazioni, Palma affronta un argomento molto caro alle Comunità: resoconto delle principali attività messe in atto e novità per il prossimo anno. “Non è stato semplice impostare la partenza della “macchina amministrativa” – premette il primo cittadino di Moiano – strumento questo indispensabile per l’attuazione di ogni progettualità, ma ci siamo riusciti in misura sufficiente ed andremo costantemente a migliorarla”.

Quali sono state le priorità che l’amministrazione da lei guidata si è data nel corso di questo ultimo anno?
“Innanzitutto ci siamo attivati da subito per risolvere i problemi segnalati dai nostri concittadini in campagna elettorale, ma anche quelli che sono stati sollecitati nel corso di questo anno. Tra le altre cose siamo intervenuti per garantire e migliorare il servizio idrico in tutte le zone di Moiano e Luzzano, per risolvere l’annoso problema del terremoto ed infatti è stato ristrutturato l’ufficio, sono stati pagati gli stati finali, sono stati inoltrati parte dei rimborsi IVA e gli uffici provvederanno a convocare gli aventi diritto, è in corso di definizione la graduatoria. Ma grande attenzione è stata riservata anche al miglioramento della viabilità con la bitumazione di molte strade compresa la Variante e della fruibilità dei centri di Moiano e Luzzano (manutenzione del verde pubblico, recupero Piazza Giovanni Paolo II – già traversa Crisci – ed acquisizione nuova area per utilizzo pubblico, evidente esempio di come può valorizzarsi un comparto urbano con indubbio vantaggio per il pubblico ed il privato); per migliorare la fruibilità delle nostre colline e per valorizzare il territorio in chiave agrituristica ed ambientale, sono evidenti le realizzazioni delle due strade Via Cernito – monte Mainito in Moiano i cui lavori sono stati ultimati e Via Luzzano – Monte Lecito in Luzzano i cui lavori sono nella fase iniziale; per migliorare l’edilizia scolastica abbiamo appaltato i lavori per la sicurezza della scuola media ed abbiamo chiesto ed ottenuto un altro finanziamento per circa 85.000,00 euro, che potrà essere utilizzato per la ristrutturazione della palestra della scuola media o per altro; per risolvere il problema PIP sulla variante sono finalmente partiti i lavori; per migliorare la situazione fognaria in alcune zone del Paese si sono poste in essere opere in Via San Giacomo, Via Chinale, Via Tuoro ed altre; per risolvere conflitti di quartiere e di viabilità abbiamo proposto un progetto per la strada Via Serrone di Luzzano”.

In materia di opere pubbliche quale è allo stato la situazione?
“Solo per la programmazione delle opere pubbliche per l’anno 2005 sono stati previsti investimenti per circa 2.500.000 di euro, quasi totalmente finanziati. Intanto, oltre a ciò che ho elencato prima, in questo breve anno siamo riusciti ad iniziare ed in parte terminare altre opere pubbliche: ultimazione villetta e marciapiedi Via Nuova San Pietro (Viale per Sant’Agata de’ Goti); ultimazione casotto e giardino di Via Roma; ultimazione marciapiedi e pubblica illuminazione di Via Giovanni XXIII; ultimazione I lotto strada Via Monte Lecito ed illuminazione; in partenza III lotto Via San Giacomo (sistemazione e varie); piccole riqualificazioni di varie zone del Comune; completamento impianto di illuminazione a risparmio energetico al centro del paese. Per molte altre opere le procedure amministrative sono in fase avanzata: sistemazione del campo di calcio comunale; realizzazione di un nuovo impianto sportivo a Via San Giacomo (già campo di calcetto); sistemazione del campetto polivalente della scuola elementare di Luzzano; piccole opere fognarie; completamento via Piè Casali, marciapiedi, etc”.

Per il settore sociale che cosa è stato posto in essere?
“Abbiamo offerto servizi vari per assistenza domiciliare agli anziani e per terapie medico-termali; abbiamo curato costanti iniziative per un’assistenza medica specialistica gratuita. Stiamo, inoltre, lavorando a nuove progettualità per servizi ed opere pubbliche e per ulteriori interventi sociali e culturali. Saremo ad attivarci per promuovere e rinnovare l’attività della Pro-loco del nostro Paese, per incentivare le iniziative sociali e giovanili che già di per sé manifestano positiva vivacità attraverso molteplici associazioni”.

Quale è la situazione dal punto di vista delle finanze comunali e delle tasse per i cittadini?
“Non abbiamo aumentato le tasse, nonostante i tagli dei contributi statali. Per attuare tutto ciò è necessitato un forte impegno, mio personale, e degli amministratori tutti, ognuno nel proprio ruolo, oltre che dei funzionari e dei dipendenti comunali e pertanto siamo certi che i concittadini, soddisfatti del nostro operato, manifesteranno concretamente il rispetto per le opere realizzate ed i servizi offerti e collaboreranno costantemente all’attività amministrativa, anche in considerazione dei gravi problemi connessi a varie sentenze risarcitorie relative a vecchie vicende non gestite da questa Amministrazione. Ci appelliamo, dunque, a tutti i cittadini affinché siano adeguatamente comprensivi nel valutare il nostro impegno di servizio, atteso che i grandi sforzi ed i sacrifici necessari ad affrontare le problematiche del nostro Comune spesso non hanno evidenza esterna e pertanto non vengono tenuti in debita considerazione. La cosa più difficile, sembrerà strano, è garantire una “sufficiente normalità”.

fonte: Il Sannio Quotidiano

lunedì 8 agosto 2005. Letture: 4043.


Forse ti possono interessare anche queste notizie