Politica - Montesarchio. Il centro caudino rischia l’esclusione dalla comunità montana del Taburno

Foto Montesarchio

Montesarchio rischia l’esclusione dalla comunità montana del Taburno. Il disegno di legge regionale del 29 giugno che ridisegna i territori degli enti montani ha di fatto escluso il centro caudino dalla comunità, in quanto non sarebbe un comune totalmente montano.
Contro questa decisione che, per diventare definitiva, deve essere approvata dall’assemblea regionale si è levato il consiglio comunale di Montesarchio che, con una delibera, chiede al consiglio regionale di approfondire meglio la questione. Il centro caudino, infatti, rappresenta una forza propulsiva per lo sviluppo di tutti i comuni che fanno parte dell’ente. Basti pensare che il 40 per cento delle attività insediate con il patto territoriale del Taburno si trovano nel comune di Montesarchio. La sua esclusione, quindi, rappresenterebbe un grave danno per tutta l’economia della zona impoverendo di fatto anche la forza dello stesso ente sovracomunale.
Per tutti questi motivi la giunta Izzo ha intenzione di dare battaglia in regione, cercando di spiegare come la città caudina non può essere staccata da un sistema in cui opera da anni. Probabilmente anche gli altri comuni che fanno parte dell’ente, nelle prossime settimane, produrranno dei documenti per chiedere che l’esclusione di Montesarchio venga annullata per evitare un gravissimo danno all’intero territorio.

Fonte: Retesei

giovedì 27 settembre 2007. Letture: 2375.


Forse ti possono interessare anche queste notizie