Politica - San Martino VC. Arrivano le cartelle pazze sulla Tarsu

Foto San Martino Valle Caudina

Cartelle pazze e proteste a San Martino Valle Caudina. In questi giorni in tutte le case del piccolo centro stanno arrivando le cartelle esattoriali per il pagamento della tassa rifiuti solidi urbani per il 2007 e per il suppletivo del 2005.

Una recente disposizione stabilisce che la Tarsu deve corrispondere a non meno dell’80 per cento della superficie abitativa. I calcoli, quindi, sono stati effettuati tenendo conto degli estratti catastali. Ma quando sono arrivate le prime cartelle esattoriali, molte persone si sono trovate di fronte a cifre da pagare davvero spropositate proprio perché erano sbagliate le superfici abitative. Ad esempio, una famiglia che abita in un casa di cento metri quadri, risultava residente in un edificio di ben 500 metri quadri.

A questo punto è partita la protesta dei cittadini e la giunta si è accorta del macroscopico errore. E così il vice sindaco Gianbattista Lanzilli che è assessore alle finanze, è dovuto correre ai ripari. Questa mattina sulle cantonate di San Martino sono apparsi ben due manifesti. Il primo è stato quello del gruppo consiliare San Martino Libera che partendo dalla vicenda Tarsu ha duramente criticato l’operato della giunta Ricci. Il secondo, quello dell’amministrazione, che avvisa i cittadini del problema riscontrato con la Tarsu, invitandoli a recarsi presso l’ufficio tributi del comune per fugare ogni dubbio. L’ufficio è aperto tutti i giorni, dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 13 , mentre il mercoledì ed il venerdì, resta aperto anche dalle 15 e 30 alle 18,00. Le cartelle con gli errori macroscopici saranno immediatamente sospese dallo stesso comune. C’è da dire, però, che, a parte, l’errore riscontrato su i dati incrociati, la tassa su i rifiuti solidi urbani, nel piccolo centro è aumentata del 25 per cento, a causa, manca a dirlo dei costi che l’emergenza rifiuti nella nostra regione continua a causare.

Fonte: Retesei

sabato 20 ottobre 2007. Letture: 2127.


Commenti

commenti

Forse ti possono interessare anche queste notizie