Politica - San Martino VC. Toccherà ai vertici provinciali dei Ds mediare in vista delle elezioni amministrative

Foto San Martino Valle Caudina

Stabilita la data del voto amministrativo, si torna alle urne domenica 28 maggio, si accelerano i tempi per la composizione delle liste nei comuni irpini. La riprova arriva da San Martino Valle Caudina dove il centro sinistra è in grande movimento in vista dell’appuntamento con gli elettori.

L’accordo tra i partiti dell’Unione è chiuso. La candidatura a sindaco spetta ai democratici di sinistra ed in particolare all’attuale vice sindaco, Pasquale Ricci, che è anche consigliere provinciale. Ricci ha ottenuto di effettuare una sorta di staffetta con la Margherita che governa il paese da 13 anni consecutivi, Prima con l’ingegnere La Pietre e poi per due volte con il dottore Francesco Cocozza. Ma problemi per il candidato in pectore potrebbero arrivare proprio dal suo partito. Il vice sindaco fa parte dell’area mussiana che è maggioranza all’interno della federazione provinciale. Ma l’area riformista, quella di Fassino e D’Alema, del piccolo centro caudina sta scalpitando, chiedendo un maggiore coinvolgimento nei programmi, negli uomini da scegliere e nella gestione unitaria del partito. Per evitare scontri fratricidi si è mobilitata la federazione provinciale e questa sera le due parti si incontreranno alla presenza del presidente del partito, Michele D’Ambrosio e di Salvatore Antonacci, componente del direttivo provinciale dell’area riformista. Toccherà a queste due figure trovare una sintesi tra le due posizioni per evitare che ci possano essere problemi per quanto riguarda la candidatura. Questo perché in alcuni ambienti della Margherita il fatto di dover lasciare la carica di primo cittadino ad un diessino non è accettato a cuor leggero.

Fonte: Retesei

giovedì 9 marzo 2006. Letture: 1822.


Forse ti possono interessare anche queste notizie