Società - Cervinara. Scatta la mobilitazione per il cane chiuso nel canale

Foto Cervinara

CERVINARA – E’ scattata la mobilitazione nel comune caudino. A seguito di una segnalazione affidata al portale internet vallecaudina.net, a cura di Brigida Pascale, è emersa una situazione poco edificante che va avanti da quattro mesi a questa parte. Il cane è un pastore maremmano, ed è cresciuto in un canale di deflusso delle acque lungo la centralissima Via Roma.
Una situazione che si porta avanti da mesi e per la quale ancora non si è trovata una soluzione adeguata. Ma ieri il tam tam diffusosi sulla rete ha fatto nuovamente luce sulla vicenda, e qualcosa si è mosso. Nel primissimo pomeriggio è infatti intervenuto un automezzo dei vigili del fuoco di Avellino, i quali hanno tentato di liberare il cane. Ma la bestiola, rinchiusa in quello spazio da troppo tempo, è corsa via spaventata vanificando il tentativo di soccorso. Per fortuna il canale non è attraversato dall’acqua, e quindi il pastore maremmano non è in pericolo di vita.
Finora, ad occuparsi della sua sopravvivenza sono soprattutto i residenti del luogo, che hanno provveduto a gettare del cibo al cane per evitare che muoia di fame. “La situazione va avanti da diverso tempo – spiega il primo cittadino Franco Cioffi, interpellato sull’argomento –, ma il canale è asciutto e il cane non corre pericoli. Ma non siamo rimasti con le mani in mano: l’Asl è intervenuta ma essendo troppo profondo il dislivello non è riuscita a tirare fuori l’animale”. Ieri, l’intervento, purtroppo non risolutivo, dei vigili del fuoco. Un altro residente ha posizionato delle assi di legno per far sì che il cane risalga, da solo o prelevato da qualcuno. Ma il pastore ha paura e scappa via. Chi conosce bene la situazione che si protrae da diverso tempo, ha pensato anche di segnalare la cosa alla popolare trasmissione televisiva “Striscia la notizia”.
Intanto, resta lo sguardo di quel cane solo, oggetto di tante attenzioni come non mai da qualche mese a questa parte.
Giovanbattista Lanzilli

Fonte: Ottopagine

venerdì 23 settembre 2005. Letture: 2135.


Forse ti possono interessare anche queste notizie