Società - San Martino V.C. La curiosità: e l’orologio del comune segna quaranta minuti di ritardo…

SAN MARTINO V.C. – Quaranta minuti di ritardo. Non è l’orario d’arrivo di un treno in una qualsiasi stazione italiana, ma il segnale orario offerto dall’orologio che sovrasta la casa municipale di San Martino Valle Caudina.
Quasi tre quarti d’ora indietro rispetto all’ora esatta, e che va avanti da diverse settimane. Per la precisione, dal mese di dicembre, quando proprio a ridosso delle festività natalizie lo storico orologio – che per decenni ha scandito con il suono inconfondibile delle proprie campane ogni quarto d’ora della giornata sammartinese – cominciò a dare i primi segnali di malfunzionamento. Adesso, quello che inizialmente era vista come un passeggero disservizio, è diventato un vero e proprio guasto al quale non è stato posto rimedio. Anche perché oltre ai serafici quaranta minuti di ritardo – un colpo d’occhio davvero strano, specialmente per chi è stata accompagnato con precisione assoluta da quelle campane, anche il suono è diventato irregolare. A volte arriva, a volte no, a volte suona in orario ed altre ancora no.
Ma sull’orologio difficilmente si interverrà, forse perché è tutta la struttura comunale nella centralissima Piazza Municipio che dovrà essere oggetto nei prossimi mesi di imponenti lavori di ristrutturazione. Diverse centinaia di migliaia di euro per recuperare un edificio che oggi quasi cade a pezzi, nonostante i recenti lavori di restyling interno. Anche per chi viene da fuori, il municipio non offre un bello spettacolo, con impalcature volanti a sostenere balconi ormai pericolanti. Un pugno nell’occhio specialmente ora che sia la piazza che da esso prende il nome che quella adiacente, la XX Settembre, è stata completamente rifatta a nuovo.
Giovanbattista Lanzilli
Fonte: Ottopagine

mercoledì 8 febbraio 2006. Letture: 2158.


Forse ti possono interessare anche queste notizie