Sport - Calcio. Pasquale Casale nuovo allenatore del Gela Calcio

Il dopo-Andrea Pensabene, in casa del Gela, ha il volto ed il nome di Pasquale Casale. 47 anni, napoletano verace, il nuovo allenatore del Gela torna in Sicilia dopo avere già allenato, sempre in C1, l’Atletico Catania. “Ringrazio la dirigenza del Gela per avermi dato la possibilità di tornare ad allenare in un campionato prestigioso come la C1 di quest’anno – esordisce l’ex tecnico di Avellino, Ischia, Atletico Catania, Cavese e Fidelis Andria – ma lasciatemi ringraziare anche Franco Proto, che credo sia stato il mio vero sponsor in questa decisione presa dal presidente Arturo Carrabino”.

“Dovevamo dare una svolta allo stato di impasse che si era venuto a creare” – dice Carrabino – “non è stato facile esonerare Pensabene, ma la situazione credo gli stesse sfuggendo di mano. Non nascondo che il nome di Pasquale Casale mi è stato segnalato dal presidente Proto, che conosceva personalmente il tecnico campano. Mi dicono che Casale sia un grande motivatore, prima che un bravissimo allenatore. E a noi serve un trascinatore. Uno che sappia tirare fuori dalle secche una squadra che ha solo bisogno di una grossa iniezione di fiducia”.

L’unica voce fuori dal coro, in questa “virata” tecnica voluta dalla dirigenza del Gela, è quella di Nicolò Ferrante: “Io non ero assolutamente dell’avviso di esonerare Pensabene e non ne faccio mistero nemmeno ora che la decisione è stata presa. Per me Pensabene doveva restare al suo posto fino alla fine. E non lo dico solo per la stima e l’affetto che mi lega a Pensabene, è una mia personale filosofia di lavoro. Uno sceglie un gruppo e su quel gruppo costruisce una stagione. Alla fine si tirano le somme, mai in corsa. In ogni caso ho preso atto della volontà della società e con grande senso di responsabilità mi sono subito messo a disposizione del nuovo tecnico. Del quale debbo dire che, a pelle, ho potuto subito apprezzare le doti umane. Mi sembra una persona positiva. Farò tutto quanto è nelle mie possibilità per rendergli il lavoro più facile. Credo che il primo ad essere felice che il Gela si riprenda dall’attuale stato di crisi di risultati sarà proprio Andrea Pensabene, che statene certi continuerà a tifare forte per il Gela”.

Ieri pomeriggio, intanto, c’è stato un siparietto simpatico allo stadio. Andrea Pensabene, che era tornato in città per salutare la squadra, si è incrociato con Pasquale Casale, che stava per andare a guidare il primo allenamento con la sua nuova squadra. I due allenatori si sono incontrati e sportivamente si sono scambiati una calorosa stretta di mano. Una breve, ma intensa chiacchierata per quello che è sembrato, a tutti gli effetti, una sorta di passaggio delle consegne: “Questa squadra si salverà tranquillamente senza passare dai play-out”, è stata la frase che si sono detti all’unisono. Quando si dice, unità di intenti.

Fonte articolo: Franco Gallo , per cervinara.com

venerdì 24 marzo 2006. Letture: 4569.


Commenti

commenti

Forse ti possono interessare anche queste notizie